Natale con Vincenzo Bayeli

Le due xilografie dal sicuro e netto tratto di Vincenzo Bayeli (Villacidro 21 aprile 1892 – Trieste 30 aprile 1974) in appendice a questo articolo, andranno a comporre, nell’ambito del progetto Giacimenti Culturali, un fondo dedicato ai xilografi sardi. L’ex libris xilografico, impresso su carta velina da Bayeli per il suo collega d’ufficio nella dogana di Forteza  Floriano Spinella, raffigura delle cime dolomitiche sormontate da un piccone da alpinista. Alla base il motto Se tu solo sarai tutto tuo, desunto dal Trattato della Pittura di Leonardo da Vinci (48. Della vita del pittore nel suo studio). Leonardo stigmatizza la necessità che il lavoro del pittore debba essere svolto in assoluta solitudine e solo in questa condizione c’è pienezza artistica di se stessi. In contesto alpinistico solo la conquista solitaria di una cima è appagamento totalizzante. La xilografia su carta a mano giapponese Misumi, che Bayeli  data 1937 e titola  “Cartolina per un Battaglione Carri d’Assalto”, raffigurante il Carro Veloce CV33 (ridenominato in seguito carro L3/33), un carro armato leggero italiano sviluppato, tra le due guerre mondiali, a partire dal modello del carro inglese Carden Loyd Mk VI. Il motto Pondere et igne iuvat,  cioè Aiuta con la massa e col fuoco,  è attribuito dalla Legge n. 293 del 24 marzo 1932 sulla concessione di motti araldici a Reggimenti e Corpi del Regio Esercito, al Reggimento Carri Armati. Probabilmente la xilografia fu commissionata dal fratello di Bayeli, Guido, ufficiale carrista, che condivideva con Vincenzo una forte passione artistica. La cartolina venne poi realizzata dalla Tipografia Aldina di Bologna per la I^ brigata corazzata31º reggimento carri e 3° battaglione carri d’assalto. Le due xilografie sono per ora una esiziale rappresentanza del costituendo fondo xilografico dei maestri sardi rispetto, ad esempio, alla congrua scelta di quelle possedute dalla Biblioteca Universitaria di Cagliari. Da segnalare, per chi voglia avere un’altra concreta attestazione dell’arte di Vincenzo Bayeli, le tre belle xilografie con paesaggi di Bressanone, esposte nella collezione d’Arte contemporanea dell’O.D.A. del palazzo vescovile di Villacidro e dedicate dall’artista a Mario Anni (1895 – 1971), pittore villacidrese di insigne valore, ma stranamente misconosciuto.                Luigi Manias