Gramsci e Dante per Del Casino

Nell’ambito delle attività di promozione del Caffè letterario Biblioteca Comunale Casa Borrelli, Nur e l’amministrazione comunale vogliono ricordare due anniversari importanti il 700 anniversario di Dante e il 130 della nascita di Gramsci, che allievo del Cosmo, focalizzò la sua attenzione sul X canto dell’Inferno di Dante. Casa Borrelli è provvista di un muro dirimpetto la Biblioteca di 9 m. di larghezza e 2.10 e 1.40 di altezza. In questo muro, ad incominciare da venerdì 23 luglio per finire il giorno successivo, sarà realizzato un opera da Francesco Del Casino, il più importante muralista italiano. Nato a Siena nel 1944, dove frequenta l’Istituto d’Arte “Duccio di Boninsegna”, ha tra i suoi maestri Aldo e Bruno Marzi. Continua gli studi a Firenze a lezione con Renzo Grazzini e manifesta subito una forte ammirazione per l’epica popolare di Renato Guttuso. Ma quando nel 1968 vede per la prima volta dal vivo le opere di Pablo Picasso ne rimane folgorato. Nel 1964 vince il concorso per una cattedra di insegnante di educazione artistica presso il paese di Orgosolo in provincia di Nuoro, che sceglie sulla suggestione del film di Vittorio De Seta Banditi a Orgosolo. Intorno al 1975 dà avvio all’esperienza dei murales, spinto dall’impulso come lui dichiara, “di rompere il muro che divide la scuola dalla società”. L’inaugurazione del murale, prevista per sabato 24 alle 19:00, sarà preceduta dalla Lectio Dantis del X canto dell’Inferno a cura di Dario Cosseddu, che ricostruirà con dovizia filologica l’intenso rapporto tra Gramsci e la Divina Commedia. Per dirla con Contini “una lunga fedeltà”, giacché Gramsci parla di Dante e cita Dante fin dagli anni del suo primo impegno politico-giornalistico e poi dell’Ordine Nuovo, tanto da ipotizzare la redazione di un saggio dantesco. Insomma una familiarità se non strettamente specialistica certo di alto livello, con la critica dantesca italiana del suo tempo: dalla “scuola storica” (dunque filologica, “erudita” e alla fin fine positivistica) di Isidoro Del Lungo, l’amico di Carducci editore della Cronica di Dino Compagni, fino – naturalmente – alla crociana Poesia di Dante del 1920. All’evento saranno collegate attività laboratoriali con i più piccoli. Per info: 0783939222 (Casa Borrelli).

Luigi Manias