Bentornato!

Da mercoledì 9 maggio il personale del Museo dell’Ossidiana sarà di nuovo disponibile ad accogliere i visitatori e propone per il bimestre maggio – giugno un programma densissimo. Il 18 maggio dalle 10.00, nell’ambito della giornata internazionale dei Musei, nel Parco dell’Ossidiana e dell’evento seriale I Grandi Telai nel Bosco il primo appuntamento Intrecci da favola. I nuovi orditi, che sarà riproposto sabato e domenica 22-23 maggio, sabato 29 maggio, mentre l’appuntamento di domenica 30 maggio ha fisionomia propria. Museo e Associazione CRIF Sardegna – Centro di ricerca sull’indagine filosofica collaboreranno per una giornata condivisa nell’armonica commistione di mente e corpo. Mercoledì 2, sabato 5, sabato 19, sabato 24 giugno Intrecci da favola sarà comprensivo anche di visite guidate al Museo e all’area archeologica Sa Scaba Crobina. Mentre il 25 giugno in collaborazione con il Monte Arci Land Art Festival e con l’Associazione Tra Parola e Musica – Casa di Suoni e Racconti, il Museo organizza una giornata sul Monte Arci di speciali esperienze in dialogo. Questo il programma in dettaglio: ore 17.00 prima visita al nascente Parco di Land Art: passi condivisi sui Sentieri della pietra nera, sino a raggiungere l’installazione di Arte Ambientale realizzata da Devid Strussiat da Stefano Rusin per AESON – Arti nella Natura, suggestione silenziosa tra le querce del Parco dell’ossidiana. Ore 19.30 – spettacolo SIGNIFICANTE 2021 – PAU – MEMORIA DEL VUOTO di Marcello Fois, sulla terrazza del Museo, poco prima che sia il tramonto; in scena Anna Brotzu e Andrea Congiu, per la restituzione in suoni e parole della vita di Samuele Stocchino, la Tigre d’Ogliastra. Infine il 27 giugno 2021 sarà inaugurato il nuovo percorso sensoriale di visita alla collezione e i dispositivi 3d di esplorazione immersiva del grande massiccio vulcanico del Monte Arci, comprensivo di una messa in scena della compagnia Teatro Actores Alidos all’interno del progetto Mater Mediterranea. Luigi Manias