Porrajmos. Lo sterminio dei Rom e dei Sinti

Due incontri riservati agli studenti e due ad un pubblico cosiddetto generalista con Luca Bravi, ricercatore all’Università Telematica L. da Vinci di Chieti e docente a contratto presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione all’Università di Firenze. Questo  il denso programma proposto dalla Biblioteca Gramsciana Onlus  e da Nur per la Giornata della Memoria, in collaborazione con i Comuni di Lunamatrona e Assolo, dell’Associazione Bentu ‘e Giara di Assolo, della Pro Loco di Lunamatrona e del Centro Servizi culturali di Oristano. Il tema è quello su cui Luca Bravi ha maturato una profonda conoscenza: il Porrajmos, lo sterminio dei  Rom e Sinti durante il fascismo. Luca Bravi è autore di numerose pubblicazioni sulla storia dei Rom e dei Sinti in Europa, legate in particolare ai temi dell’internamento, dello sterminio e della loro scolarizzazione. Ricordiamo Tra inclusione ed esclusione. Una storia sociale dell’educazione dei rom e sinti in Italia (Milano 2009); Rom e non-zingari. Vicende storiche e pratiche rieducative sotto il regime fascista (Roma, 2007); Altre tracce sul sentiero per Auschwitz (Roma, 2002). Dal 1922 al 1938 il regime fascista attua un respingimento e allontanamento forzato di Rom e Sinti stranieri (o presunti tali) dal territorio italiano; dal 1938 al 1940 viene  applicata un’autentica pulizia etnica con il loro confino in Sardegna; quindi dal 1940 al 1943 si procede con l’ordine di arresto e la creazione di specifici campi di concentramento fascisti a loro riservati sul territorio italiano; infine dal 1943 al 1945 l’arresto di Sinti e Rom (di cittadinanza straniera o italiana) da parte della Repubblica Sociale Italiana e la loro deportazione verso i campi di concentramento nazisti. Il primo appuntamento con Luca Bravi è ad Oristano il 22 febbraio alle 10.30 al Centro Servizi Culturali con gli studenti; lo stesso giorno  a Lunamatrona nell’aula consigliare del Comune alle 18.00; il 23 febbraio alle 9.30, sempre a Lunamatrona nelle Scuole Medie , con gli studenti; infine ad Assolo sempre il 23 alle 17.30, nell’aula consigliare del Comune.              Luigi Manias