Saluti …

La cartolina spedita in Sardegna dall’autiere Eligio Fenu – di stanza a Padova presso la 228 Compagnia Italiana Trasporti, C.A. Plotone C – al Signor Luigi Olla, geometra in Ales (Cagliari), sembra rispondere nei contenuti ai canoni degli scambi epistolari: “Saluti cari a tutti”. Boricu Fenu e Pillimedda Floris, padre e madre di Eligio Albino Fenu, nato ad Ales il 24 settembre 1923, erano in ottimi rapporti di amicizia con Luigi Olla e sua moglie Maria Efisia Manias. Ricorda Verina Olla, figlia di Luigi, che sua madre Efisia Manias le raccontava che andò a visitare Pillimedda Floris al momento della nascita di Eligio. Visita ricambiata qualche giorno dopo da Pillimedda alla nascita proprio di Verina.  Il retro del documento, per gli elementi presenti, ne fa un interessante reperto postale; segnatamente nell’ambito specialistico della storia della posta militare. Il bollo postale di partenza è un timbro di Posta Militare. La corrispondenza trasportata con il canale militare si distingueva da quella civile per la presenza di bolli tipici. Le forze di terra usavano quasi sempre la dicitura “Posta Militare”. Le scritte non contenevano nomi di località ma un numero identificativo, oppure il nome dell’unità da cui dipendevano. Le unità o le divisioni militari alla loro costituzione erano dotate di ufficio postale, che si spostava al seguito dei reparti, con propri bolli a data variabile di posta militare, identificate dal numero o dal nome del reparto. Nel nostro caso il bollo Posta Militare 16 fu assegnato alla 58^ Divisione di fanteria “Legnano”, che dal 15.9.1944 dipenderà dal Comando 228^ Divisione I.F.A. – H.Q., a sua volta alle dipendenze dell’8^ Armata inglese. L’ufficio postale è dislocato dal 15.5.1945 a Padova, da dove Eligio Fenu invierà la cartolina a Luigi Olla. Altro elemento d’interesse è il bollo “Deputy Chief Field – Censor”, ovvero il passaggio all’ufficio di censura dell’8^ Armata inglese.     Luigi Manias