La nuova biblioteca comunale di Mogorella

Secondo Marguerite Yourcenar “Fondare biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro l’inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire.” La nuova Biblioteca comunale di Mogorella che è stato granaio pubblico e ormai da oltre due decenni biblioteca, ha fruito di un innovativo restyling nel piano superiore, che ne ha cambiato radicalmente profilo e funzioni. La biblioteca è ora un centro culturale polivalente che assolve a tutte le esigenze della sua utenza e sarà possibile visitarla in questa nuova veste, giovedì 28 aprile alle 18.30, quando sarà inaugurata dalle autorità comunali in una data simbolica: “Sa die de sa Sardigna”. Data scelta volutamente dall’Amministrazione comunale, che ha voluto conferire all’evento un alto significato culturale. La Nur, gestore del servizio, illustrerà e spiegherà ai visitatori le nuove opportunità e i servizi offerti: postazione Web esclusiva per gli utenti; archivio storico fruibile al pubblico; nuovi spazi dedicati ai ragazzi, ai giovani, alla multimedialità e il denso programma di eventi culturali. Dopo i saluti del Sindaco Laura Scanu a Luigi Manias sarà affidata la ricostruzione storica delle vicende dell’edificio che ospita la biblioteca e l’archivio comunale e un breve ritratto, alla presenza dei più stretti famigliari, di Maria Teresa Sechi, prima presidente donna di una provincia sarda e eminente dirigente politico, alla quale la biblioteca comunale di Mogorella è stata intitolata.     Luigi Manias