Il Pinocchio di Maestrodascia a Baradili

Sabato 27 luglio alle 19 a Baradili, presso gli spazi dell’ex Monte Granatico, fortemente voluta dal Comune che ne ha affidato la realizzazione complessiva alla Nur, sarà inaugurata la mostra Pinocchio & Friends di Federico Coni Maestrodascia; che avrà una prolungata apertura al pubblico di tre mesi sino al 27 ottobre. L’esposizione, che raccoglie per la prima volta le opere in legno create da Maestrodascia dedicate al burattino più famoso al mondo,  è l’esito di un sforzo congiunto, di cui il catalogo da ampio conto. L’allestimento della mostra è a cura di Mauro Podda, le fotografie sono di Roberto Cadeddu, mentre layout e grafica del catalogo sono di Marco Serra, con i contributi di Lino Zedda, Paolo Savona, Federico Coni, Nur e Luigi Manias. Il programma di sabato dopo i saluti del sindaco di Baradili Lino Zedda, prevede la presentazione del catalogo, un intervento di Maestrodascia ed una performance di pittura dal vivo di Jacopo Cau.  Federico “Maestrodascia” Coni, erede di un’importante tradizione di Maestri del legno aleresi, si avvicina da subito a Collodi, tanto che il nome della sua bottega artigiana, Pinokkieria, ne evoca le ascendenze dirette. La dedizione di Coni a Pinocchio e la realizzazione di un progetto creativo ad esso esclusivamente dedicato vantano ormai un lustro buono. E’ il 2014 quando Maestrodascia incomincia a realizzare i 53 personaggio che compongono i vari quadri tematici della mostra, ispirati da illustri antecedenti come quelli di Eugenio Tavolara e Benito Jacovitti. Come è stato detto nel catalogo, Maestrodascia ci racconta una figura in fuga con il suo ambiguo polimorfismo, con la sua vena sottile di disillusione o con quello che per dirla alla Manganelli è il “terrorismo della realtà”. Bene ha scritto nel catalogo Paolo Savona, estimatore attento dell’opera di Maestrodascia, che lo ha eletto a legittimo erede Eugenio Tavolara, ma rivendicando a suo favore  “un suo tratto particolare, una sua creatività”; non dunque un “imitatore, ma un interprete originale della vita isolana.      Luigi Manias