Gramsci per immagini

L’esordio di questo fortunato format data ormai un decennio buono. Fu a Ittiri il 28 aprile 2007, nell’ambito delle celebrazioni de Sa die de Sa Sardigna, per l’evento Gramsci: un uomo, un padre, un comunista  che la Biblioteca Gramsciana Onlus, ad appena un  giorno dalla sua costituzione e uscita pubblica con una 24 ore per Gramsci, propose per la prima volta a un uditorio attento quanto stupito questa “relazione per immagini”, che inizialmente venne titolata Raccontare Gramsci per immagini e oggi, più sinteticamente, Gramsci per immagini. Attingendo all’imponete materiale iconografico posseduto dalla Biblioteca Gramsciana, il suo direttore Giuseppe Andrea Manias, ha elaborato una narrazione biografica di grande intensità e piacevolezza. Naturalmente rispetto a quella prima uscita il format oggi si è ulteriormente arricchito, contestualmente alla crescita della Biblioteca Gramsciana, tanto da connotarsi come un autentico work in progress.  La novità di questo format è nella sua cifra multimediale, che rende più appetibile, autenticamente divulgativa la vicenda gramsciana.  Una voce narrante accompagna un’articolata sequenza di immagini che scadiscono diacronicamente la biografia di Antonio Gramsci; dalla sua nascita ad Ales al complesso itinerario sardo passando  per Sorgono, Ghilarza, Santulussurgiu, Cagliari, Oristano, per poi seguirlo nelle sue vicissitudini nella Penisola e all’Estero. Gramsci per immagini sarà riproposto con la prima denominazione, ma  in versione aggiornata, a Usassai l’11 agosto alle 21 in Sa prazza de su vicariu,  in un incontro promosso da Biblioteca Gramsciana Onlus, Pro Loco e introdotto da Luisa Sassu. Luigi Manias