Eravamo davvero Far West?

“Il banditismo sardo è un fenomeno che dura da secoli. Storicamente nasce dal conflitto tra una società pastorale, che vuole imporre regole tradizionali, e uno Stato di conquistatori che vuole imporre le sue leggi. L’ostilità della società pastorale alle leggi dello Stato unitario è facilmente comprensibile” Così nel 1968 la Terza Commissione parlamentare d’inchiesta sulla criminalità in Sardegna. Alberto la Marmora più di un secolo prima scriveva: “Qualunque altro popolo che si fosse trovato per tanti secoli, nelle circostanze negative che da sempre pesano su questa regione, non sarebbe stato né così paziente, né così docile”. Venerdì 21 febbraio dalle 18.00 alle 21.00 a Casa Borrelli, organizzato dalla Biblioteca Comunale e dalla Nur, sotto l’egida del Comune di Pau, sarà inaugurata la mostra Eravamo davvero Far West?  9 taglie per 9 artisti. La mostra trae  ispirazione da un piccolo quanto prezioso fondo donato alla Biblioteca Gramsciana: nove manifesti originali degli anni ’60, corredate di taglie milionarie,  di altrettanti ricercati sardi. Nove artisti sardi Jacopo Cau, Federico Coni, Fabrizio Dapra, Ilaria Marongiu, Michele Marrocu, Tonino Mattu, Gigi Meli, Massimo Spiga e Marie-Claire Taroni trarranno ispirazione dalle nove taglie per la creazione di una propria opera, che sarà esposta a fianco del manifesto originale. La mostra, allestita da Massimo Spiga e graficamente curata da Gigi Meli, rimarrà aperta sino al 21 Giugno e nell’arco di questi quattro mesi ci saranno appuntamenti con approfondimenti sul tema, ad incominciare da venerdì 13 marzo alle 18.00 quanto Annino Mele presenterà Probomines.                  Luigi Manias